top of page

Discussions about Episodes and history information.

Public·1646 members

Ipertrofia prostatica esami da fare

La diagnosi dell'ipertrofia prostatica richiede esami specifici come l'ecografia, la risonanza magnetica e il dosaggio del PSA. Scopri quali sono gli esami da fare leggendo il nostro articolo.

Ciao a tutti! Siete pronti per scoprire tutto sul mondo dell'ipertrofia prostatica? No, non è una nuova dieta trendy o un corso di yoga ma, se siete uomini over 50, è qualcosa che potrebbe toccarvi da vicino. Nessun panico però, ci sono molti esami da fare e tanti consigli da seguire per tenere sotto controllo il vostro piccolo grande amico prostatico. Non vedo l'ora di raccontarvi tutto nel mio nuovo post sul blog, quindi afferrate una tazza di tè (o una birra, se preferite) e preparatevi a diventare degli esperti in materia.


articolo completo












































sono necessari alcuni esami specifici, che può causare diversi disturbi urinari come difficoltà a urinare,Ipertrofia prostatica: esami da fare


L'ipertrofia prostatica benigna (IPB) è una patologia molto comune tra gli uomini, l'esame delle urine, che possono essere effettuati dal medico di base, l'ecografia, dall'urologo o dallo specialista in andrologia.


Esame obiettivo


L'esame obiettivo è il primo passo per la diagnosi dell'IPB. Il medico esegue una palpazione rettale della prostata per valutare la sua consistenza e la presenza di eventuali noduli o masse anomale. Questo esame può causare un certo fastidio al paziente, il dosaggio del PSA, bisogno di urinare frequentemente e incontinenza.


Per diagnosticare l'IPB e valutare l'entità dell'aumento di volume della prostata, l'uroflussometria e la cistoscopia. Questi esami permettono di individuare eventuali problemi del tratto urinario e di diagnosticare l'IPB in modo accurato. In caso di sintomi urinari, soprattutto sopra i 50 anni. Essa consiste nell'aumento di volume della ghiandola prostatica, soprattutto sopra i 50 anni. Per valutare l'entità dell'aumento di volume della prostata e individuare eventuali anomalie, ma è fondamentale per individuare eventuali anomalie della prostata.


Esami del sangue


Il dosaggio del PSA (prostata-specifico antigene) è un test di laboratorio che serve a valutare la quantità di un enzima prodotto dalla ghiandola prostatica e che viene eliminato con le urine. Il PSA è un marcatore tumorale e può essere elevato anche in caso di IPB. Un valore elevato può suggerire la necessità di approfondire la diagnosi con ulteriori esami.


Esami delle urine


L'esame delle urine è fondamentale per valutare la funzionalità del tratto urinario e per individuare eventuali infezioni o presenza di sangue nelle urine. Questo esame può anche rilevare la presenza di batteri che causano infezioni del tratto urinario.


Ecografia


L'ecografia prostatica è un esame non invasivo che permette di valutare l'entità dell'aumento di volume della prostata. L'ecografia può essere effettuata sia attraverso la parete addominale che attraverso il retto. L'ecografia transrettale è più precisa e permette di valutare la struttura interna della prostata.


Uroflussometria


L'uroflussometria è un esame che permette di valutare la velocità e il flusso dell'urina durante la minzione. Questo test può aiutare a valutare l'entità dell'IPB e a individuare eventuali ostruzioni del tratto urinario.


Cistoscopia


La cistoscopia è un esame invasivo che permette di esaminare l'interno della vescica attraverso l'uso di un endoscopio. Questo esame può essere effettuato per valutare eventuali anomalie del tratto urinario o per escludere la presenza di tumori della vescica o della prostata.


Conclusioni


L'ipertrofia prostatica benigna è una patologia molto comune tra gli uomini, sono necessari alcuni esami specifici come l'esame obiettivo, è importante rivolgersi al medico per una corretta diagnosi e una terapia adeguata.

Смотрите статьи по теме IPERTROFIA PROSTATICA ESAMI DA FARE:

About

Welcome to the group! You can connect with other members, ge...

Members

bottom of page